Come pianificare una tesi di ricerca

Come pianificare una tesi di ricerca

Un elemento molto importante della ricerca, soprattutto per gli studenti, è la tesi di laurea, che costituisce un resoconto del lavoro svolto. La tesi permette di organizzare i pensieri e i risultati e serve anche a soddisfare i requisiti istituzionali. I giudizi sulla bontà del lavoro si basano, tra l’altro, sulla qualità della tesi. È quindi essenziale pianificare la stesura e stampa della tesi con largo anticipo. Alcune delle fasi essenziali di questo processo sono riassunte di seguito.

  • La prima fase del processo prevede l’individuazione di un consulente di ricerca e di un’istituzione adatti, la determinazione della sovrapposizione di interessi e la formulazione del piano di ricerca.
  • Cercate di anticipare tutti i compiti e i potenziali problemi che potreste incontrare consultando il vostro consulente di ricerca.
  • Elaborare una proposta di tesi, ovvero una breve descrizione del perché e del come si prevede di portare a termine la ricerca, e definire l’obiettivo finale.
  • Prima di intraprendere il lavoro vero e proprio, effettuare una ricerca approfondita della letteratura esistente, che vi aiuterà a mettere la ricerca proposta in una prospettiva migliore.
  • Prima di affrontare il problema della ricerca, costruite o imparate a usare un’apparecchiatura adeguata e acquisite una conoscenza pratica dei quadri sperimentali e/o teorici.
  • Una volta iniziata la ricerca, è necessario prendere appunti dettagliati e chiari in ogni fase, in modo da poterli consultare quando si inizia a scrivere la tesi.
  • Al termine del lavoro, si devono trarre conclusioni appropriate che possono essere inserite nella sezione discussioni della tesi.
  • Il layout e il formato della tesi devono essere decisi prima di iniziare a scrivere. Si deve innanzitutto preparare uno schema della parte frontale, del corpo e della parte conclusiva.
  • Una volta scritti i dettagli, la tesi dovrebbe essere rivista non solo dal consulente di ricerca, ma anche da colleghi ed esperti del settore. La qualità della scrittura può essere migliorata utilizzando un aiuto professionale.
  • La parte finale e critica è la difesa della tesi: rivedere accuratamente ogni dettaglio della tesi ed essere pronti a rispondere alle domande relative a qualsiasi aspetto.
  • Una tesi ben pianificata e scritta può essere cruciale per il riconoscimento da parte dei colleghi e per l’avanzamento di carriera.

Di seguito vediamo come pianificare una tesi di ricerca quando manchi di motivazione.

5 consigli per scrivere un articolo scientifico quando manca la motivazione

La stesura di un articolo scientifico richiede di solito un’ottima concentrazione e ricerca. Richiede concentrazione al massimo per realizzare un lavoro di alto livello. Non è mai il momento di scrivere articoli scientifici quando ci si trova senza un briciolo di motivazione. La mancanza di motivazione può essere causata da molti fattori. Potrebbe esserci un compito per il quale si va sempre fuori di testa, come ad esempio ricordare un esame all’università. Qualsiasi cosa può cambiare l’umore e farvi procrastinare i compiti assegnati. È necessario combattere questa sensazione e non permettere che degeneri in avolizione, che è uno stato peggiore della mancanza di motivazione.

Come si fa a trovare un’alternativa a ciò che si deve fare di importante quando non si è motivati? Questa dovrebbe essere la domanda che vi risuona nella mente ogni volta che dovete fare qualcosa di importante come scrivere un articolo scientifico. Ecco 5 consigli da seguire quando manca la motivazione per scrivere un articolo scientifico.

Come scrivere un articolo scientifico quando manca la motivazione

1. Fate un pisolino per schiarirvi le idee

Quando siete stanchi e vi sembra che ogni parte del vostro corpo si stia spegnendo, sarà quasi impossibile memorizzare qualcosa se state leggendo per preparare un articolo. Potreste persino ritrovarvi a rileggere più volte le righe prima di riuscire a capirle. La mancanza di sonno influisce negativamente su qualsiasi tentativo di imparare cose nuove. Un breve pisolino non guasterebbe in questo momento. Aiuterà il cervello a riavviarsi e a elaborare le cose più velocemente al risveglio. È proprio come nel caso di un sistema informatico che deve essere riavviato quando tutti i tentativi di utilizzarlo sembrano bloccarsi in modo frustrante.

2. Chiedere aiuto a qualcuno

È bene fare un pisolino. Tuttavia, in situazioni di estrema stanchezza, potreste aver bisogno di riposare più a lungo. E se non aveste il lusso di avere tempo a disposizione? Cosa fareste? Probabilmente qualcuno vi ha dato l’incarico di scrivere degli articoli con una scadenza più ravvicinata. Se avete già accettato di consegnare l’incarico, rifiutarlo o non rispettare la scadenza sarebbe una violazione del contratto. A lungo andare, ciò potrebbe influire anche sul vostro rapporto di lavoro e potreste non ottenere incarichi anche quando siete motivati a lavorare.

In una situazione come questa, potete chiedere aiuto a qualcuno che sia esperto nel settore di nicchia di cui state scrivendo. Se dovete scrivere un articolo nel campo della medicina clinica, potete chiedere l’aiuto di un consulente in materia di regolamentazione dei dispositivi medici che vi fornirà le informazioni e le indicazioni necessarie. Questi esperti medici sono in grado di rendere giustizia a qualsiasi articolo in campo medico e di ottenere un cenno di approvazione da parte di chi vi ha affidato l’incarico.

Sicuramente state cercando un modo per ottenere tutte le informazioni di cui avete bisogno. Forse tutto ciò di cui avete bisogno è una revisione delle cose che già conoscete. In casi come questo, dovreste verificare quali risorse potete utilizzare, ad esempio le guide di Osmosis possono essere molto utili per ricordarvi perché amate la medicina e come potete usare la scrittura per aiutare gli altri.

3. Guardare un film d’ispirazione

Se guardate un film, per esempio per 90 minuti o più, potete liberarvi in modo significativo della natura lunatica. Dovete però fare la scelta giusta e questo dipende da voi, perché le preferenze di una persona possono essere diverse da quelle di un’altra. Se riuscite a trovare un film in grado di risollevare il vostro umore e di motivarvi, sceglietelo immediatamente. Ecco il trucco. È possibile perdere la motivazione dopo il film se si rimanda l’inizio dell’articolo. Quindi, una volta terminato il film, dedicatevi immediatamente all’articolo quando il vostro umore è ancora alto e non lasciate spazio a disturbi di alcun tipo. Ironicamente, la mancanza di motivazione di solito scompare una volta terminato l’articolo. Vorrei che la scienza ce lo spiegasse!

4. Dedicarsi a qualche attività divertente

Un altro modo per motivarsi è quello di uscire velocemente con gli amici facendo le cose che piacciono per divertimento. Andare a giocare a calcio o fare un’esperienza di gruppo in bicicletta. Assicurati che non sia troppo faticoso per non indebolirti.

5. Portate i vostri strumenti di lavoro in un luogo insolito

Questo può sembrare meno importante, ma di sicuro funziona come una magia. Se ti è capitato di vedere persone che leggono vicino a un campo da tennis durante le partite o in un centro piscine, allora è proprio questo il tipo di ispirazione di cui parlo. Puoi prendere il tuo computer portatile e recarti in un luogo in cui il divertimento in corso può sollevare la mancanza di motivazione. Di tanto in tanto, potete alza la testa per osservare le attività per trarre maggiore ispirazione. Assicurati però di non perderti in queste attività.

Conclusione

Se speri di scrivere un ottimo articolo scientifico, non potete permettervi di lottare allo stesso tempo contro la mancanza di motivazione. Come affrontare una situazione del genere? Questi consigli possono essere molto utili! La mancanza di motivazione può capitare a tutti e non biasimarti se succede anche a te. Devi solo trovare diversi modi per affrontarla. Ora sai come pianificare una tesi di ricerca anche quando non hai voglia e hai altro per la testa.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.