Livello trofico

Un livello trofico è il gruppo di organismi all’interno di un ecosistema che occupa lo stesso livello in una catena alimentare.

Ci sono cinque livelli trofici principali all’interno di una catena alimentare, ognuno dei quali differisce nel suo rapporto nutrizionale con la fonte di energia primaria (vai ad esempio di livello trofico).

La fonte di energia primaria in ogni ecosistema è il Sole (sebbene ci siano eccezioni negli ecosistemi di acque profonde).

La radiazione solare del Sole fornisce l’immissione di energia che viene utilizzata dai produttori primari, noti anche come autotrofi.

I produttori primari sono generalmente piante e alghe, che eseguono la fotosintesi per produrre la propria fonte di cibo.

I produttori primari costituiscono il primo livello trofico.

Il resto dei livelli trofici sono costituiti da consumatori, noti anche come eterotrofi.

Gli eterotrofi non possono produrre il proprio cibo, quindi devono consumare altri organismi per acquisire nutrimento.

Il secondo livello trofico è costituito da erbivori, questi organismi guadagnano energia mangiando produttori primari e sono chiamati consumatori primari.

I livelli trofici tre, quattro e cinque sono costituiti da carnivori e onnivori. I carnivori sono animali che sopravvivono solo mangiando altri animali, mentre gli onnivori mangiano animali e materiale vegetale.

Il livello trofico tre è costituito da carnivori e onnivori che mangiano erbivori; questi sono i consumatori secondari.

Il livello trofico quattro contiene carnivori e onnivori che mangiano consumatori secondari e sono noti come consumatori terziari.

Il livello trofico cinque è costituito da predatori apicali; questi animali non hanno predatori naturali e sono quindi in cima alla catena alimentare.

I decompositori o detritivori sono organismi che consumano piante morte e materiale animale, convertendolo in energia e sostanze nutritive che le piante possono utilizzare per una crescita efficace.

Sebbene non riempiano un livello trofico indipendente, decompositori e detritivori, come funghi, batteri, lombrichi e mosche, riciclano materiale di scarto da tutti gli altri livelli trofici e sono una parte importante di un ecosistema funzionante.

A causa del modo in cui l’energia viene utilizzata durante il trasferimento tra i livelli, la biomassa totale degli organismi su ciascun livello trofico diminuisce dal basso verso l’alto.

Solo il 10% circa dell’energia consumata viene convertita in biomassa, mentre il resto viene perso sotto forma di calore, oltre che in movimento e altre funzioni biologiche.

A causa di questa graduale perdita di energia, la biomassa di ciascun livello trofico viene spesso vista come una piramide, chiamata piramide trofica.

È importante notare che gli organismi all’interno dei livelli trofici degli ecosistemi naturali non formano generalmente una catena uniforme e che molti animali possono avere più prede e più predatori.

Lle interazioni non lineari dei livelli trofici possono quindi essere viste al meglio come una catena alimentare piuttosto che come una catena alimentare.

Tuttavia, l’interruzione all’interno di uno dei livelli trofici, ad esempio l’estinzione di un predatore o l’introduzione di una nuova specie, può avere un effetto drastico sui livelli trofici inferiori o superiori.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *